Non funziona il condizionatore dell’auto, cosa fare?

Con la bella stagione e l’arrivo del caldo potrebbe capitare che il climatizzatore della vostra auto non raffreddi più come una volta. Cosa puoi fare per prevenire questa situazione?

L’impianto di climatizzazione deve ricevere manutenzione annuale, perché dopo alcuni anni di utilizzo c’è la possibilità che inizi a non rendere come prima, fare più rumore del solito e consumare rapidamente il gas refrigerante.

In questo tipico caso il problema potrebbe essere una piccola perdita che va riparata al più presto.

Le opzioni sono due:

  • sostituire le parti dell’impianto danneggiate, con un grosso dispendio di tempo e denaro;
  • usare un turafalle, prodotto in grado di turare le fughe ed evitare così la completa sostituzione delle parti danneggiate;

È consigliato l’uso dei turafalle in impianti di refrigerazione e condizionamento?

Questa domanda per anni ha tormentato tecnici del settore e di conseguenza i clienti interessati.

In passato i turafalle erano formulati con processi chimici tecnologicamente poco avanzati e, spesso, i produttori non investivano il numero adatto di risorse in ricerca e sviluppo, generando soluzioni scadenti, poco performanti e, a volte, pericolose.

Molte delle proposte sul mercato utilizzano formule a base polimerica, che a contatto con umidità e ossigeno si solidificano, causando l’intasamento del sistema di refrigerazione e condizionamento.

Per questi motivi noi di SVAP abbiamo deciso di collaborare con Errecom, azienda con una lunga esperienza nel campo delle micro-perdite.

Grazie a questa collaborazione proponiamo soluzioni chimiche sicure, testate da clienti di tutto il mondo, che risolvono facilmente questo tipo di problema grazie ad una tecnologia estremamente innovativa chiamata EXTREME.

extreme-2-turafalle
turafalle-svap-extreme-condizionatori

Come funziona EXTREME.

EXTREME è la soluzione ideale per riparare le micro-perdite di gas refrigerante che si formano negli impianti di condizionamento, garantendo una tenuta completa, permanente ed elastica.

EXTREME risulta fluorescente se esposto ad ogni luce UV, non contiene polimeri e non reagisce ad aria o umidità. Altri prodotti sul mercato, invece, contengono polimeri che reagiscono a questi ultimi, indurendosi all’interno dell’impianto e rischiando di intasarlo.

EXTREME è composto da una miscela di componenti affini al gas refrigerante e al lubrificante del compressore, micro-dispersi in un lubrificante universale circolano all’interno dell’impianto di refrigerazione come piastrine nel sangue. I componenti di EXTREME sono talmente affini al flusso che non si aggregano all’interno dell’impianto, ma in caso di perdita sono trascinati dal gas e dal lubrificante verso l’esterno.

Grazie all’affinità di carica con le tubazioni dell’impianto, EXTREME tende ad accumularsi nel punto della perdita, rallentando il flusso di uscita del gas refrigerante. Mentre la falla viene riparata e la perdita si riduce, diminuisce anche la quantità di lubrificante attorno alle molecole di EXTREME e, di conseguenza, i singoli microgranuli iniziano a fondersi tra loro sigillando perfettamente la falla.

EXTREME è idoneo per tutti i tipi di impianti AC/R, inclusi quelli con R134a e R1234yf ed è ideale anche per applicazioni preventive.

Istruzioni per l’utilizzo di EXTREME negli impianti a/c degli autoveicoli.

Per verificare che l’impianto sia in condizioni di micro-perdita e che, quindi, il prodotto possa essere efficace, effettuare un vuoto dell’impianto di 5 minuti e verificare che esso sia mantenuto per almeno 4 minuti (a pompa del vuoto spenta).

Introdurre una quantità di EXTREME pari a 1:16 del volume di lubrificante del compressore normalmente presente nel circuito.

DOSAGGIO UNIVERSALE PER IMPIANTI A/C AUTOVEICOLI = 30 ml (1 . oz). Ricaricare il gas refrigerante e mettere l’impianto in funzione. Durante la normale attività dell’impianto EXTREME sigillerà le perdite in modo permanente.